“Un quadro arreda l’ambiente per l’occhio così come la musica l’arreda per l’orecchio.” (Erik Satie)

Chi più di Eric Satie può offrire un sottofondo musicale adatto alla visita di un sito web di antiquariato?

Sua è l’espressione Musique d’ameublement, coniata per designare l’ultima fase della sua produzione (1916-1925). Letteralmente significa “musica da arredamento” e viene talvolta tradotta con “musica da tappezzeria”. Lo stesso Satie la definisce come “musica che non ha bisogno di essere ascoltata”, suscitando presso i suoi contemporanei numerose polemiche.

Esempio della musique d’ameublement è il balletto in due atti Relâche (1924) con il celebre inserto cinematografico Entr’acte, firmato da René Clair.

A distanza di circa due decenni, fu probabilmente John Cage il primo compositore a comprenderne pienamente il senso innovativo, dichiarando che la musique d’ameublement offre finalmente la possibilità di “fare uscire il compositore dalla sua individualità, restituendo ai suoni la libertà di essere se stessi”.

Successivamente si possono stabilire connessioni con la musica ambientale del compositore britannico Brian Eno, che negli anni ’70 “arreda” di suoni gli aeroporti utilizzando il mezzo elettronico.

” La Musique d’ameublement” è in sostanza un prodotto industriale. L’abitudine, l’uso, vogliono che si faccia musica in circostanze con le quali la musica non ha niente a che vedere. Si suonano in codeste occasioni “Fantasie d’Opera, valzer e simili, composti per tutt’altro fine. Noi vogliamo produrre una musica dichiaratamente “utilitaria”. L’Arte è un’altra cosa. La “Musique d’Ameublement” crea una vibrazione; non ha altro scopo. Ha la stessa funzione della luce, del calore e del comfort in tutte le sue forme. Sostituisce vantaggiosamente Marce, Polke, Tanghi, Gavotte e via dicendo. Esigete la “Musique d’Amebulement”. Niente più riunioni, assemblee e simili, senza “Musique d’Ameublement” per notai, banche e via dicendo. La “Musique d’Ameublement” non ha identità. Niente più matrimoni senza “Musique d’Ameublement” Disertate le case che non adottano la “Musique d’Ameublement”. Chi non ha mai ascoltato “Musique d’Ameublement” ignora la felicità. Non addormentatevi senza ascoltare un brano di “Musique d’Ameublement”, se volete dormire sonni tranquilli. (Erik Satie)

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Proseguendo la navigazioni ne accetti l'impiego in conformità con la nostra politica. Puoi tuttavia modificarne le impostazioni così come esercitare tutte le azioni previste dal vigente GDPR attraverso il nostro Centro di Gestione della Privacy.

Impostazioni della Privacy

Quando visiti un sito Web, questo può archiviare o recuperare informazioni attraverso il tuo browser, principalmente sotto forma di cookie. Controlla da qui le impostazioni dei tuoi cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie

We use WooCommerce as a shopping system. For cart and order processing 2 cookies will be stored. This cookies are strictly necessary and can not be turned off.
  • woocommerce_cart_hash
  • woocommerce_items_in_cart

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
WhatsApp chat